..::Tematiche di Religione::..
printprintFacebook
 
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Conflitto Ebreo - Palestinese

Last Update: 8/7/2014 11:57 AM
5/20/2005 5:37 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 3,539
Post: 2,902
Registered in: 8/27/2004
Gender: Male
Admin
Vice Amministratore
OFFLINE
Un minimo di storia
Tutti i problemi cominciano a nascere nel 1898 quando a Ginevra Theodor Hertzel fonda il movimento sionistico internazionale con il fine di riportare gli ebrei in Palestina.
In quel periodo la Palestina era un tranquillissimo dominio dell'Impero Ottomano dove la gente viveva, o meglio vivacchiava, di agricoltura (poca) e di pastorizia e di quel qualcosa che comunque arrivava in quella terra a causa della presenza in Gerusalemme dei rappresentanti di tutte le pi importanti religioni dell'Occidente.

In verit gi tanti secoli prima (non ricordo bene quanti ma forse nove) si era affermato un principio abbastanza simile quando il Papato e l'Impero si erano accordati sul "cuius regio eius est religio"; la storia per e, fondamentalmente, il buon gusto avevano gi bollato di indecenza un tale modo di ragionare; o, meglio, di sragionare.

La prima guerra mondiale sancisce la fine dell'Impero Ottomano e gli inglesi, all'apice della loro potenza, ottengono nel '23 il mandato di amministrare la Palestina.
Nello intervallo tra le due guerre comincia un afflusso abbastanza limitato e pacifico di ebrei che comprano dagli sheicchi locali i terreni e cominciano a coltivarli senza grossi problemi di convivenza con la popolazione locale.

La fine della seconda guerra mondiale segna invece l'inizio dei veri problemi poich il flusso migratorio di ebrei sfuggiti all'olocausto diventa non pi sopportabile per i palestinesi.
Nel 1947 l'ONU decide la spartizione della Palestina in due stati, ma i palestinesi non accettano di dividere la terra con gli ebrei immigrati e scoppiano i primi incidenti.
Nel 1948 viene dichiarato lo "Stato di Israele" e immediatamente la Lega Araba dichiara guerra al neonato stato; qui comincia la lunga serie di batoste militari subite dagli arabi da parte degli Israeliani. Nascono i campi profughi in Libano, Siria e Giordania con quasi due milioni di persone povere, turbolente ed invise anche agli arabi locali tanto che nel settembre 1973 (settembre nero) i giordani massacrano migliaia di palestinesi. La vita dei Palestinesi in tali campi si trasforma presto in un inferno e cos, del resto, continua ad esserlo ancora oggi.
Altra guerra nel 1956 con relativa altra vittoria di Israele e cos via fino alla guerra dei sei giorni (1967) quando solo l'intervento internazionale ferma la incontenibile avanzata di Israele verso i paesi arabi limitrofi (in particolare l'Egitto)
A questo punto l'ONU emette la famosa risoluzione 242 ove si chiede il ritiro di Israele dai territori occupati e che segna la nascita dell'OLP.
Nel 1973 gli arabi ci riprovano di nuovo e, questa volta, a tradimento (guerra del Kippur) con il solito risultato di buscarsi il consueto carico di mazzate e con il solito intervento affannoso dell'ONU che ferma le truppe ebree ormai dirette a un tranquillo week end alle piramidi di El Giza
Nel 1993 gli accordi di Oslo, firmati a Washington, sanciscono la applicazione della risoluzione 242 entro 5 anni ma a tutt'oggi - attenzione! ecco il primo numero - solo il 62% dei territori stato restituito alla Autorit Palestinese
4 - Qualche commento alla risoluzione 242
Da pi di trent'anni si parla e si straparla di questa benedetta risoluzione dell'ONU, presa come pilastro fondamentale dei possibili e cos conclamati "accordi di pace" ma mai nessun organo di informazione ha mai detto che lo stato Palestinese, cos come voluto dalla 242, non potr mai esistere.

Ma possibile che ebrei, palestinesi, americani, russi, arabi e chi pi ne ha pi ne metta siano riusciti a nascondere al mondo per pi di 30 anni che la 242 una buffonata?
Una buffonata inventata per riempire di fumo gli occhi della opinione pubblica e per continuare, quindi, a mandare avanti le cose nel modo voluto dalle forze occulte, ma poi nemmeno tanto occulte, che vogliono assolutamente mantenere lo "status quo" nella martoriata Palestina.

Ma possibile che i ragazzi della intifada vadano ancora oggi incontro a morte sicura contro i carri ebrei e i ragazzi ebrei vivano nel continuo terrore dell'attentatore palestinese senza che qualcuno faccia loro notare che l'argomento del contendere in realt non esiste?

Qualcuno degli sfortunati "aviolettori" si star ora domandando se il povero Mauro non stia cominciando a dare i numeri quando afferma che un tragico problema come quello palestinese in realt non esiste; prima, per, di pronunciarsi a favore o contro le mie facolt mentali, cerchiamo di analizzare a fondo il succo intimo della 242.

La famigerata risoluzione dichiara che Israele deve restituire ai palestinesi i cosiddetti "territori" sui quali la autorit palestinese dovr poi realizzare il tanto sognato stato palestinese.
Ma dove sono situati geograficamente questi territori?
- nessun organo di stampa ha mai voluto pubblicare in 33 anni, per quanto ne so, la carta geografica dei benedetti territori
- in nessuna libreria in Italia sono riuscito a trovare questa carta
- presso la delegazione per la liberazione della Palestina in Roma (P.zza S. Giovanni Laterano n. 72) tale fantomatica cartina non esiste. Si, avete letto bene: non esiste. O, per lo meno, cos dicono.
- l'unico posto dove sono finalmente riuscito a dare una occhiata al fantomatico documento la casa di un mio amico palestinese in Betlemme

Avrei voluto tanto allegare al presente documento la mappa in questione ma il mio amico palestinese non ha il fax e alla delegazione romana traccheggiano con scuse varie.
E qui nasce una domanda che, a mio parere, proprio il succo intimo e, forse, la soluzione del problema: perch nessuno vuol mostrare questa mappa?
Possiamo per descrivere immediatamente e con pochissime parole la situazione geografica del futuro stato palestinese
Le terre reclamate da Arafat, e delle quali comunque ha gi avuto dagli ebrei circa i due terzi, consistono nella striscia di Gaza (sul Mediterraneo), nella Cisgiordania (attorno al Mar Morto), di sei citt gi tutte palestinesi (Qualqiliya, Jenin, Nablus, Tulkare, Ramallah e Betlemme) sparse qua e l per Israele e di 400 villaggi attorno alle citt di cui sopra.
Il futuro stato palestinese, in altre parole, consiste in due territori abbastanza estesi, di cui uno praticamente desertico (Gaza) e l'altro in buona parte (la Cisgiordania) e di qualche villaggio, cittadina o pollaio sparsi qua e l per lo stato di Israele.
Il futuro stato palestinese, dicono le fonti palestinesi, pu contare su un prodotto interno lordo di 240 milioni di dollari (altro numero importante); poco pi della decima parte del bilancio del Comune di Roma.
Potrebbe anche essere che il solerte funzionario palestinese abbia dimenticato uno zero alla cifra che ha dichiarato ( e infatti proprio cos), ma siamo sempre a bilanci assolutamente ridicoli per uno stato che voglia definirsi tale o che, comunque voglia anche minimamente contrapporsi al suo potente vicino che ha un PIL di 150 mila miliardi.

Non bisogna essere dei politologi per capire che uno stato come quello sognato dal povero e ingenuo popolo palestinese non potr mai esistere.
- ma ve lo immaginate uno stato dove per andare da un posto all'altro ci vuole il passaporto?
- Uno stato privo di un tessuto industriale, agricolo e commerciale?
- Uno stato dove le merci per spostarsi dai luoghi di produzione (ammesso che ne esista qualcuno) a quelli di commercializzazione devono sottostare all'arbitrio del potentissimo, arcigno e scontroso vicino?
- Uno stato che non produce energia e dove, quindi, quando il povero palestinese decider di accendere la lampadina dovr pregare Hallh di far alzare dal letto per il verso giusto il gestore ebreo della pi vicina centrale elettrica?
- Uno stato ove la erogazione dell'acqua nel pi completo arbitrio del nemico

E questo sarebbe uno stato indipendente? Uno stato libero? Uno stato per il quale vale la pena di andare a morire, assolutamente disarmati, contro i carri ebrei?
La storia piena di vicende in cui un popolo disarmato riesce a cacciare l'invasore a prezzo di tanto sangue dei suoi figli. Ma in tutti i casi, meno che in questo, i tanti giovani morti con le pietre, con la spada o con la molotov in pugno sapevano che la impari lotta, una volta vinta, avrebbe portato condizioni di vita migliori al loro popolo.
Se invece guardiamo i pochi numeri sopra riportati e gettiamo uno sguardo alla ridicola mappa dello stato palestinese non possiamo fare altro che trarre una conclusione:
i palestinesi debbono ringraziare Hallh se il loro stato non
vedr mai la luce altrimenti passeranno dalla attuale situazione
di disagio e di povert a quella di una assoluta indigenza

E non basta: la impossibilit di gestire le reti elettriche, idriche, stradali e ferroviarie del loro futuro stato li porter ad un asservimento assoluto agli arbitrii degli ebrei; molto peggio di come accade oggi.
Si, perch oggi gli ebrei, se non altro per salvare la faccia, assicurano un minimo di sopravvivenza alla popolazione palestinese, un minimo di istruzione e di assistenza.
Ma chi avr la capacit, la forza e i capitali per gestire il tessuto statale quando tutte le principali leve della industria, dei servizi e della agricoltura saranno in mano al nemico?
Quale imprenditore straniero, anche se la manodopera costasse zero, vorr mai produrre qualsiasi cosa in Palestina ben sapendo che, se la sua produzione si sviluppasse troppo e potesse quindi dare fastidio agli ebrei, si ritroverebbe subito con le frontiere chiuse, senza acqua e senza elettricit ed assolutamente impossibilitato ad esportare il frutto del suo lavoro.

Facciamo un esempio assurdo: se qualcuno, attratto dalle indubbie capacit e dalla operosit dei palestinesi, volesse impiantare una produzione di sofisticati microcihps a Nabulus come far a raggiungere porti o aeroporti per esportarli?

A mio parere, e forse sono un po' cattivo nei confronti dei miei amici palestinesi, essi sperano inconsciamente che gli attuali cospicui aiuti internazionali alla Autorit Palestinese continueranno all'infinito, ma fin troppo ovvio che si tratta solo di pie illusioni.
Chi volete che, al mondo, si interesser pi di un minuscolo popolo semiaffamato, impossibilitato a produrre e, di conseguenza, non certo consumatore quando il conflitto mediorentale cesser di esistere e gli attuali istigatori del conflitto avranno trovato altre maniere per soddisfare i loro interessi?

«Il Mondo non sarà mai abbastanza vasto, né l’Umanità abbastanza forte per essere degni di Colui che li ha creati e vi si è incarnato»
(P. Teilhard de Chardin, La vision du passé, in “Inno dell’universo”, Queriniana, Brescia 1995, p. 76)>>



5/21/2005 8:46 AM
 
Modify
 
Quote
Guardiamolo anche da un punto di vista di sicurezza del mondo intero, a Parer Mio, i palestinesi sono meno, ma più pazzi (vedi i vari attacchi negli autobus, mercati e scuole), senza contare che come TUTTI gli arabi, da una foresta hanno trasformato un deserto (mi sembra che si chiami uccidere il resto della popolazione mondiale e dei Nostri Fratelli Animali); dall'altra parte abbiamo gli Israeliani che da un deserto hanno rifatto un giardino. Quindi se vogliamo stare finalmente in pace, ELIMINIAMO fisicamente TUTTI i palestinesi, se poi i loro fratelli arabi continuano a dare noia, beh si sa come fare, semplice no?

Mefisto
10/3/2007 2:13 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Re:
Justee, 20/05/2005 17.37:

Un minimo di storia
Tutti i problemi cominciano a nascere nel 1898 quando a Ginevra Theodor Hertzel fonda il movimento sionistico internazionale con il fine di riportare gli ebrei in Palestina.
In quel periodo la Palestina era un tranquillissimo dominio dell'Impero Ottomano dove la gente viveva, o meglio vivacchiava, di agricoltura (poca) e di pastorizia e di quel qualcosa che comunque arrivava in quella terra a causa della presenza in Gerusalemme dei rappresentanti di tutte le pi importanti religioni dell'Occidente.

In verit gi tanti secoli prima (non ricordo bene quanti ma forse nove) si era affermato un principio abbastanza simile quando il Papato e l'Impero si erano accordati sul "cuius regio eius est religio"; la storia per e, fondamentalmente, il buon gusto avevano gi bollato di indecenza un tale modo di ragionare; o, meglio, di sragionare.

La prima guerra mondiale sancisce la fine dell'Impero Ottomano e gli inglesi, all'apice della loro potenza, ottengono nel '23 il mandato di amministrare la Palestina.
Nello intervallo tra le due guerre comincia un afflusso abbastanza limitato e pacifico di ebrei che comprano dagli sheicchi locali i terreni e cominciano a coltivarli senza grossi problemi di convivenza con la popolazione locale.

La fine della seconda guerra mondiale segna invece l'inizio dei veri problemi poich il flusso migratorio di ebrei sfuggiti all'olocausto diventa non pi sopportabile per i palestinesi.
Nel 1947 l'ONU decide la spartizione della Palestina in due stati, ma i palestinesi non accettano di dividere la terra con gli ebrei immigrati e scoppiano i primi incidenti.
Nel 1948 viene dichiarato lo "Stato di Israele" e immediatamente la Lega Araba dichiara guerra al neonato stato; qui comincia la lunga serie di batoste militari subite dagli arabi da parte degli Israeliani. Nascono i campi profughi in Libano, Siria e Giordania con quasi due milioni di persone povere, turbolente ed invise anche agli arabi locali tanto che nel settembre 1973 (settembre nero) i giordani massacrano migliaia di palestinesi. La vita dei Palestinesi in tali campi si trasforma presto in un inferno e cos, del resto, continua ad esserlo ancora oggi.
Altra guerra nel 1956 con relativa altra vittoria di Israele e cos via fino alla guerra dei sei giorni (1967) quando solo l'intervento internazionale ferma la incontenibile avanzata di Israele verso i paesi arabi limitrofi (in particolare l'Egitto)
A questo punto l'ONU emette la famosa risoluzione 242 ove si chiede il ritiro di Israele dai territori occupati e che segna la nascita dell'OLP.
Nel 1973 gli arabi ci riprovano di nuovo e, questa volta, a tradimento (guerra del Kippur) con il solito risultato di buscarsi il consueto carico di mazzate e con il solito intervento affannoso dell'ONU che ferma le truppe ebree ormai dirette a un tranquillo week end alle piramidi di El Giza
Nel 1993 gli accordi di Oslo, firmati a Washington, sanciscono la applicazione della risoluzione 242 entro 5 anni ma a tutt'oggi - attenzione! ecco il primo numero - solo il 62% dei territori stato restituito alla Autorit Palestinese
4 - Qualche commento alla risoluzione 242
Da pi di trent'anni si parla e si straparla di questa benedetta risoluzione dell'ONU, presa come pilastro fondamentale dei possibili e cos conclamati "accordi di pace" ma mai nessun organo di informazione ha mai detto che lo stato Palestinese, cos come voluto dalla 242, non potr mai esistere.

Ma possibile che ebrei, palestinesi, americani, russi, arabi e chi pi ne ha pi ne metta siano riusciti a nascondere al mondo per pi di 30 anni che la 242 una buffonata?
Una buffonata inventata per riempire di fumo gli occhi della opinione pubblica e per continuare, quindi, a mandare avanti le cose nel modo voluto dalle forze occulte, ma poi nemmeno tanto occulte, che vogliono assolutamente mantenere lo "status quo" nella martoriata Palestina.

Ma possibile che i ragazzi della intifada vadano ancora oggi incontro a morte sicura contro i carri ebrei e i ragazzi ebrei vivano nel continuo terrore dell'attentatore palestinese senza che qualcuno faccia loro notare che l'argomento del contendere in realt non esiste?

Qualcuno degli sfortunati "aviolettori" si star ora domandando se il povero Mauro non stia cominciando a dare i numeri quando afferma che un tragico problema come quello palestinese in realt non esiste; prima, per, di pronunciarsi a favore o contro le mie facolt mentali, cerchiamo di analizzare a fondo il succo intimo della 242.

La famigerata risoluzione dichiara che Israele deve restituire ai palestinesi i cosiddetti "territori" sui quali la autorit palestinese dovr poi realizzare il tanto sognato stato palestinese.
Ma dove sono situati geograficamente questi territori?
- nessun organo di stampa ha mai voluto pubblicare in 33 anni, per quanto ne so, la carta geografica dei benedetti territori
- in nessuna libreria in Italia sono riuscito a trovare questa carta
- presso la delegazione per la liberazione della Palestina in Roma (P.zza S. Giovanni Laterano n. 72) tale fantomatica cartina non esiste. Si, avete letto bene: non esiste. O, per lo meno, cos dicono.
- l'unico posto dove sono finalmente riuscito a dare una occhiata al fantomatico documento la casa di un mio amico palestinese in Betlemme

Avrei voluto tanto allegare al presente documento la mappa in questione ma il mio amico palestinese non ha il fax e alla delegazione romana traccheggiano con scuse varie.
E qui nasce una domanda che, a mio parere, proprio il succo intimo e, forse, la soluzione del problema: perch nessuno vuol mostrare questa mappa?
Possiamo per descrivere immediatamente e con pochissime parole la situazione geografica del futuro stato palestinese
Le terre reclamate da Arafat, e delle quali comunque ha gi avuto dagli ebrei circa i due terzi, consistono nella striscia di Gaza (sul Mediterraneo), nella Cisgiordania (attorno al Mar Morto), di sei citt gi tutte palestinesi (Qualqiliya, Jenin, Nablus, Tulkare, Ramallah e Betlemme) sparse qua e l per Israele e di 400 villaggi attorno alle citt di cui sopra.
Il futuro stato palestinese, in altre parole, consiste in due territori abbastanza estesi, di cui uno praticamente desertico (Gaza) e l'altro in buona parte (la Cisgiordania) e di qualche villaggio, cittadina o pollaio sparsi qua e l per lo stato di Israele.
Il futuro stato palestinese, dicono le fonti palestinesi, pu contare su un prodotto interno lordo di 240 milioni di dollari (altro numero importante); poco pi della decima parte del bilancio del Comune di Roma.
Potrebbe anche essere che il solerte funzionario palestinese abbia dimenticato uno zero alla cifra che ha dichiarato ( e infatti proprio cos), ma siamo sempre a bilanci assolutamente ridicoli per uno stato che voglia definirsi tale o che, comunque voglia anche minimamente contrapporsi al suo potente vicino che ha un PIL di 150 mila miliardi.

Non bisogna essere dei politologi per capire che uno stato come quello sognato dal povero e ingenuo popolo palestinese non potr mai esistere.
- ma ve lo immaginate uno stato dove per andare da un posto all'altro ci vuole il passaporto?
- Uno stato privo di un tessuto industriale, agricolo e commerciale?
- Uno stato dove le merci per spostarsi dai luoghi di produzione (ammesso che ne esista qualcuno) a quelli di commercializzazione devono sottostare all'arbitrio del potentissimo, arcigno e scontroso vicino?
- Uno stato che non produce energia e dove, quindi, quando il povero palestinese decider di accendere la lampadina dovr pregare Hallh di far alzare dal letto per il verso giusto il gestore ebreo della pi vicina centrale elettrica?
- Uno stato ove la erogazione dell'acqua nel pi completo arbitrio del nemico

E questo sarebbe uno stato indipendente? Uno stato libero? Uno stato per il quale vale la pena di andare a morire, assolutamente disarmati, contro i carri ebrei?
La storia piena di vicende in cui un popolo disarmato riesce a cacciare l'invasore a prezzo di tanto sangue dei suoi figli. Ma in tutti i casi, meno che in questo, i tanti giovani morti con le pietre, con la spada o con la molotov in pugno sapevano che la impari lotta, una volta vinta, avrebbe portato condizioni di vita migliori al loro popolo.
Se invece guardiamo i pochi numeri sopra riportati e gettiamo uno sguardo alla ridicola mappa dello stato palestinese non possiamo fare altro che trarre una conclusione:
i palestinesi debbono ringraziare Hallh se il loro stato non
vedr mai la luce altrimenti passeranno dalla attuale situazione
di disagio e di povert a quella di una assoluta indigenza

E non basta: la impossibilit di gestire le reti elettriche, idriche, stradali e ferroviarie del loro futuro stato li porter ad un asservimento assoluto agli arbitrii degli ebrei; molto peggio di come accade oggi.
Si, perch oggi gli ebrei, se non altro per salvare la faccia, assicurano un minimo di sopravvivenza alla popolazione palestinese, un minimo di istruzione e di assistenza.




Ma chi avr la capacit, la forza e i capitali per gestire il tessuto statale quando tutte le principali leve della industria, dei servizi e della agricoltura saranno in mano al nemico?
Quale imprenditore straniero, anche se la manodopera costasse zero, vorr mai produrre qualsiasi cosa in Palestina ben sapendo che, se la sua produzione si sviluppasse troppo e potesse quindi dare fastidio agli ebrei, si ritroverebbe subito con le frontiere chiuse, senza acqua e senza elettricit ed assolutamente impossibilitato ad esportare il frutto del suo lavoro.

Facciamo un esempio assurdo: se qualcuno, attratto dalle indubbie capacit e dalla operosit dei palestinesi, volesse impiantare una produzione di sofisticati microcihps a Nabulus come far a raggiungere porti o aeroporti per esportarli?

A mio parere, e forse sono un po' cattivo nei confronti dei miei amici palestinesi, essi sperano inconsciamente che gli attuali cospicui aiuti internazionali alla Autorit Palestinese continueranno all'infinito, ma fin troppo ovvio che si tratta solo di pie illusioni.
Chi volete che, al mondo, si interesser pi di un minuscolo popolo semiaffamato, impossibilitato a produrre e, di conseguenza, non certo consumatore quando il conflitto mediorentale cesser di esistere e gli attuali istigatori del conflitto avranno trovato altre maniere per soddisfare i loro interessi?



*******************************************************************
Interessantissimo questo post caduto nel dimenticatoio, peccato che non ci sia stato mai nessuno che abbia avuto interesse a continuare, magari anche con informazioi che non siano la solita propaganda a favore dei "poveri" palestinesi, a proposito lo sai che quando Arafat è morto era il 6° uomo più ricco del mondo?
Immagino di no, faceva troppo gioco mostrare sempre i "poveri" palestinesi, gente che piazza le artiglierie per sparare al nemico dentro gli asili e si fa scudo di donne e bambini, ti lamenti che non trovi la cartina? Quando ho tempo te la cerco, c'è solo palestina senza traccia dello stato di Israele.
Gente che falsifica libri di storia ed insegna l'odio ai bambini, gli mette in mano le armi e li cresce con l'ideologia della morte.
Lo sai quanti palestinesi abbandonarono la zona israeliana nel '48?
200.000 esattamente lo stesso numero degli ebrei cacciati dalle zone arabe.
Lo sai che non esiste un popolo palestinese?
Sono siriani, libanesi, egiziani beduini nomadi del deserto che quando
gli Ebrei decisero di rifondare legalmente il loro stato si unirono nel fantomatico popolo palestinese, lo sai che gli Ebrei non hanno mai abbandonato la terra di Israele? Certo, non ce ne erano moltissimi, ma la loro presenza c'è sempre stata. Lo sai perchè gli altri stati arabi vogliono l'annientamento di Israele? Perchè Israele è l'unica democrazia in quella parte del mondo. Negli stati confinanti ci sono solo regimi dittatoriali Islamici dove gli sceicchi nuotano nei petrodollari, hanno bagni con rubinetti d'oro massiccio, mentre il popolo fa la fame e vede come si vive in Israeleed hanno paura che si sveglino) e scappa in Israele a vivere. Lo sai che nel parlamento ebraico ci sono anche deputati arabi? Lo sai che gli omosessuali arabi scappano tutti in Israele altrimenti vengono uccisi?
Lo sai che Hacmadinejad la scorsa settimana ha detto che in iran non ci sono "più" omosessuali?
Lo sai perchè stanno soffrendo per la mancanza d'acqua? Perchè quando Israele ha ridato loro i territori dai quali sparavano gli ha lasciato anche i villaggi ed i pozzi scavati e loro nella lorofuria selvaggia hanno distrutto tutto ed hanno avvelenato i pozzi e la falda freatica,
incredibile no?
Lo sai che ho sonno [SM=x511481] e che se troverai errori nel post è perchè non mi va di rileggere quello che ho scritto?
Ciao Aialon
'Notte [SM=x511461]

[Edited by Aialon 10/3/2007 2:19 AM]
10/3/2007 10:39 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 416
Post: 265
Registered in: 7/11/2007
Gender: Male
Scripta Manent...
Benvenuto
OFFLINE

Perchè Israele è l'unica democrazia in quella parte del mondo

Hai perfettamente ragione. Tu dove vivi Aialon? Perché vivi lì, vero? [SM=x511454]


Amici mores noveris, non oderis
10/3/2007 4:36 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Re:
T a i t a, 03/10/2007 10.39:


Perchè Israele è l'unica democrazia in quella parte del mondo

Hai perfettamente ragione. Tu dove vivi Aialon? Perché vivi lì, vero? [SM=x511454]





La mia anima è lì, io ......ognitanto mi sposto.


IL 3D segue qui: freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=6827175&...


10/5/2007 5:02 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 683
Post: 640
Registered in: 9/3/2004
Gender: Male
Scripta Manent...
Senior
OFFLINE
Re: Re:

a proposito lo sai che quando Arafat è morto era il 6° uomo più ricco del mondo?



sarebbe una notizia stravolgente , io credo che dovrebbe essere verificata


Immagino di no, faceva troppo gioco mostrare sempre i "poveri" palestinesi, gente che piazza le artiglierie per sparare al nemico dentro gli asili e si fa scudo di donne e bambini, ti lamenti che non trovi la cartina? Quando ho tempo te la cerco, c'è solo palestina senza traccia dello stato di Israele.




non è questione di poveri palestinesi , la questione è la verità


Gente che falsifica libri di storia ed insegna l'odio ai bambini, gli mette in mano le armi e li cresce con l'ideologia della morte.
Lo sai quanti palestinesi abbandonarono la zona israeliana nel '48?
200.000 esattamente lo stesso numero degli ebrei cacciati dalle zone arabe.



probabilmente sono dati oggettivi


Lo sai che non esiste un popolo palestinese?



ma sempre di persone umane si parla , o persone con dei diritti fondamentali


Perchè Israele è l'unica democrazia in quella parte del mondo. Negli stati confinanti ci sono solo regimi dittatoriali Islamici dove gli sceicchi nuotano nei petrodollari, hanno bagni con rubinetti d'oro massiccio, mentre il popolo fa la fame e vede come si vive in Israeleed hanno paura che si sveglino) e scappa in Israele a vivere. Lo sai che nel parlamento ebraico ci sono anche deputati arabi? Lo sai che gli omosessuali arabi scappano tutti in Israele altrimenti vengono uccisi?



no non lo sapevano , però devi dirti non so Rino , ma io ci leggo nelle tue parole un pò di cattiveria


Lo sai che ho sonno [SM=x511481] e che se troverai errori nel post è perchè non mi va di rileggere quello che ho scritto?
Ciao Aialon
'Notte [SM=x511461]



e meno male che c'avevi sono se no che scrivevi .... [SM=x511470]





10/7/2007 8:04 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Re: Re: Re:
mioooo, 05/10/2007 17.02:


a proposito lo sai che quando Arafat è morto era il 6° uomo più ricco del mondo?



sarebbe una notizia stravolgente , io credo che dovrebbe essere verificata

E perchè non lo fai? Invece di sparare giudizi senza documentarti?

CLAMOROSO: Arafat e Castro sono tra i piu ' ricchi del mondo ...
CLAMOROSO: Arafat e Castro sono tra i piu' ricchi del mondo ..... baroffio è al servizio di un mafioso che è l'uomo più ricco di italia, di quale abbissale ...
italy.indymedia.org/news/2003/08/345567_comment.php - 151k - Copia cache - Pagine simili
Non piangete per Arafat, di Massimo Introvigne
Personalmente, Yasser Arafat era il sesto capo di Stato o di governo più ricco del pianeta secondo la rivista Forbes: subito dopo la regina Elisabetta ma ...
www.cesnur.org/2004/mi_arafat2.htm - 9k - Copia cache - Pagine simili
Arafat e Castro (gli amici dei Kompagni) piu' ricchi dei ...
Le classifiche annuali di "Forbes" sui più ricchi del mondo danno raramente notizie con il ..... Località: Sei tutto quello che un uomo NON dovrebbe essere. ...
www.politicaonline.net/forum/showthread.php?t=87621 - Pagine simili
Shalom - Money Talks
Nella categoria riservata a ‘Re, Regine e Despoti’ Forbes mette Arafat tra i più ricchi del mondo. La sua fortuna è valutata dalla prestigiosa rivista in ...
www.shalom.it/modules.php?name=News&file=article&sid=62 - 18k - Copia cache - Pagine simili
n o a n t r i
Cari amici e care amiche che navigate in internet, quelli della sinistra dicono che c'è crisi, ma io ora sono il 25esimo uomo più ricco del mondo quando nel ...
noantri.splinder.com/archive/2006-01 - 59k - Copia cache - Pagine simili
Kataweb.it - Blog - Il titolo di emmegi » Blog Archive » Nobel per ...
PERCHE’ LA DINAMITE CON CUI NOBEL DIVENNE L’UOMO PIù RICCO DEL MONDO VIENE ... il Nobel della pace viene dato a gente come Roosevelt, Kissinger, Arafat, ...
emmegi.blog.kataweb.it/2006/10/13/nobel-per-la-pace-a-yunus/ - 35k - Copia cache - Pagine simili
Border 3.2001 - Limes Club Roma
Tutti i leader del mondo arabo hanno condannato subito il terrorismo, dai Talebani a ... il finanziamento da parte degli sceicchi più ricchi del pianeta. ...
digilander.libero.it/limesclub/border/3,01.htm - 28k - Copia cache - Pagine simili
Uomo Libero - Rivolta contro i padroni del mondo
Con la fine del comunismo e dell'URSS, i benpensanti di tutto il mondo avevano tirato ... essa avrebbe potuto mostrare al mondo il suo volto più autentico e ...
www.uomo-libero.com/articolo.php?id=322 - 24k - Copia cache - Pagine simili
Febbraio 1999
Arafat col terrorismo è diventato uno degli uomini più ricchi, temuti e rispettati del mondo. Ocalan ha ormai solo gli occhi per piangere. Due uomini. ...
www.eclettico.org/israele/diario/ocalan.htm - 9k - Copia cache - Pagine simili
PeaceReporter
L' 11 novembre 2004 è morto Yasser Arafat, l'uomo che nel bene e nel male ha .... uno degli agglomerati urbani più ricchi del mondo e con una concentrazione ...
www.peacereporter.net/dettaglio_mappamondo.php?idc=8&idm=4&menu_ar...
Emporion - Quindicinale online di geoeconomia
Quello che opera da decenni è infatti ben di più e ben oltre un fenomeno terrorista: è un ..... la povertà dei popoli arabi (tra i più ricchi del mondo, ...
magazine.enel.it/emporion/sezioni_dett.asp?iddoc=1003767&dataemporion=08/09/2004 - 56k
israele.net
Tra le armi trasportate dell'imputato figurano mitra e cinture esplosive per ... Forbes: "Arafat fra gli uomini piu' ricchi del mondo" 2 marzo 2003 ...
www.israele.net/prec_website/ind033.html - 24k
nfoPINO Portale d'Informazione Non Omologata Deborah Fait- L'eroe ...
Indice » Guerra tra civiltà » Deborah Fait- L'eroe Arafat ... gli e' stato utile solo per poter diventare uno degli uomini piu' ricchi del mondo rubando a ...
www.infopino.ch/modules.php?mop=modload&name=Splatt_Forums&file=viewtopic&topic=355&for... - 60k
Informazione Corretta
e sia pure in coda figura tra gli uomini più ricchi del mondo. Sa a quanto ammonta il patrimonio personale di Arafat? A duecento milioni di dollari pari a ...
www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=100&id=11757&print=pr... - 12k
Informazione Corretta
... di quanti ne dava mensilmente ad Arafat per comprare armi e per ingrassare i suoi conti in banca; del Kuwait , uno dei paesi piu' ricchi del mondo, ...
www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=&sez=70&id=7608 - 30k
Messaggero di sant'Antonio - Il papà del kamikaze la mamma delle ...
Ditemi perché il loro leader, Arafat, è tra gli uomini più ricchi del mondo, mentre il suo popolo è ridotto alla fame? So che nessuno saprà darmi risposte ...
www.messaggerosantantonio.it/messaggero/pagina_articolo.asp?IDX=1036IDR... - 27k
----------------------------------------------------

non è questione di poveri palestinesi , la questione è la verità

Sono d'accordo.

-----------------------------------------------------


Gente che falsifica libri di storia ed insegna l'odio ai bambini, gli mette in mano le armi e li cresce con l'ideologia della morte.
Lo sai quanti palestinesi abbandonarono la zona israeliana nel '48?
200.000 esattamente lo stesso numero degli ebrei cacciati dalle zone arabe.



probabilmente sono dati oggettivi

Togli pure il probabilmente, sono dati provati.

--------------------------------------------------------


Lo sai che non esiste un popolo palestinese?



ma sempre di persone umane si parla , o persone con dei diritti fondamentali

Mai messo in dubbio.


---------------------------------------------------------


e meno male che c'avevi sono se no che scrivevi .... [SM=x511470]


Quello che c'è scritto qui : freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=6827175&...

.... ma lo so documentarsi è fatica [SM=x511446]







10/8/2007 8:56 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 509
Post: 507
Registered in: 12/22/2005
Gender: Female
Scripta Manent...
Senior
OFFLINE
Abbiamo saputo della tragica notizia e la redazione esprime la propria solidarietà alla Società Biblica in Italia e Palestina e chiediamo a tutti di pregare per la famiglia di Rami e per quanti lavorano nella Società Biblica Palestinese.

Rapito e ucciso il responsabile della della Società Biblica a Gaza, era accusato di proselitismo

«Sono con qualcuno. Farò tardi, non aspettarmi per cena». La moglie ha aspettato, Rami Khader Ayyad non è tornato. «Qualcuno» gli ha sparato un paio di colpi alla testa e ha scaricato il corpo martoriato dalle coltellate vicino a una delle moschee di Gaza. Rami, 32 anni, era cristiano, dirigeva la libreria della Società biblica palestinese. Era cristiano e aveva paura. Da mesi lo minacciavano di morte, pensava di essere seguito, temeva di essere ammazzato. La libreria era stata incendiata in aprile, un attacco rivendicato dalla Spada del-l'Islam, gruppo nato da poco e che sostiene di essere vicino ad Al Qaeda. Rami aveva chiuso il negozio sabato al tramonto. Dal giorno prima, era preoccupato per un'auto senza targa che si aggirava nei dintorni. Quando ha telefonato, la moglie — incinta, a casa con gli altri due figli — ha capito il pericolo e ha avvertito la polizia. Rami è stato eliminato poche ore dopo.
«Ucciso per la sua fede», commenta da Gerusalemme un portavoce della Società biblica. A Gaza, tra i 3.200 cristiani, le accuse vengono fatte sottovoce. La comunità teme rappresaglie. Rami e gli altri attivisti sono accusati di compiere attività missionaria. Ismail Haniyeh, il premier di Hamas deposto dal presidente Abu Mazen, si è affrettato a ripetere che «i cristiani sono parte del nostro popolo e non permetteremo a nessuno di sabotare questa alleanza storica». Eppure i cristiani della Striscia spiegano che la situazione è peggiorata, da quando il movimento fondamentalista ha preso il controllo con un'operazione militare. Durante gli scontri di giugno, una scuola e un convento guidati da suore cattoliche erano stati saccheggiati e incendiati. «Niente accade per caso in questi giorni», aveva commentato il reverendo Manuel Muallem. Gruppuscoli come la Spada dell'Islam hanno attaccato negli ultimi mesi gli Internet caffè e i negozi di musica. «Vogliono imporre la legge islamica e chiedono che anche noi ci sottomettiamo», ha denunciato il reverendo Hanna Massad, pastore battista. Al funerali di Rami hanno partecipato anche tanti musulmani. La bara è stata trasportata alla chiesa greco- ortodossa, dall'auto sventolavano tre bandiere palestinesi. «Hai sacrificato il tuo sangue per quello di Gesù », ha gridato la madre piangendo. La famiglia ha voluto enfatizzare la relazione con gli islamici. «Abbiamo combattuto insieme per decenni».
Il corpo è stato seppellito nel cimitero ortodosso, perché i battisti — Rami era uno dei pochi — non hanno un cimitero a Gaza. «Sono terrorizzato. Non posso credere che questo stia succedendo nella Striscia», dice Issa, venuto a visitare i parenti. «Ha pagato con la vita per difendere la Bibbia». «E' troppo presto per parlare del movente», commenta Hussam Tawil, un parlamentare che rappresenta i cristiani. Hamas ha sempre condannato gli attacchi contro i fedeli dell'altra religione. «Il problema non è l'organizzazione principale — commenta Labib Madanat, responsabile della Società biblica —. Non ci ha mai bersagliato. Il problema sono quelli che lavorano all'ombra di Hamas». Salah Bardawil, deputato del movimento fondamentalista, ha accusato «gruppi che vogliono infangare la nostra immagine. Noi proteggiamo i luoghi sacri dei cristiani». La Società biblica palestinese aveva chiesto e ottenuto che gli uomini della forza esecutiva, la «polizia» organizzata dal governo deposto, piantonassero la libreria di Rami. Non sono bastati a proteggerlo. I rapitori hanno aspettato che anche le guardie andassero a mangiare, alla fine della giornata di digiuno per il mese di Ramadan.
(Corriere.it)
10/9/2007 5:37 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,465
Post: 739
Registered in: 8/18/2006
Gender: Male
Scripta Manent...
Senior
OFFLINE
liberaliperisraele.ilcannocchiale.it/post/1241500.html

www.informazionecorretta.com/

www.greconet.com/terrorismo.htm

________________________________________________

10/10/2007 12:54 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:44 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com