00 6/1/2007 12:53 PM
Vedi, se (fino a prova contraria) tu ritieni di aver ragione e altri, come me, non possono avere ragione, perchè ciò che credo è frutto di un libro fantasy indimostrabile, allora cosa ti posso dire? Io ho già scritto.

Non bisogna per forza credere in Dio, o avere una religione, per essere etici? Lo so. L'ho detto. Dove l'avrei negato? Quindi perchè discuterne?



Sono stati scritti anche milioni di testi che smontavano con la logica qualunque pretesa di dimostrare l'esistenza di un dio creatore.
Credere o non credere è appunto una scelta. Chi vi credere, lo fa per fede, non perchè dimostrabile razionalmente. L'uso della fede, in questo caso, esclude automanticamente la Ragione sulla questione "Dio esiste?".



Se tu da adulto, essendo stato orfano fino ad allora, ricevi una lettera che viene firmata dai tuoi genitori, sta a te decidere se è vero che sono ancora vivi, se sono davvero loro, cosa vogliono fare eccetera, ora tu indaghi e cerchi, e puoi dire se ciò che è scritto nella lettera è vero o meno, ora te puoi credere nell'amico "scientifico" che non crede che i tuoi genitori siano ancora vivi "per questo e quest'altro", o puoi andare a vedere di persona se è vero. Ora tu prendi un evento storico che viene raccontato nella bibbia, e "di solito" tali eventi sono sempre stati predetti, e dimmi perchè è falso.


Le verità dimostrate dalla scienza sono OGGETTIVE fino a prova contraria. Le opinioni di fede sono SOGGETTIVE.



Io penso sia umano e ragionevole credere che la matematica che giostra l'universo possa essere frutto del caso, ma tu però mi devi dire perchè non è ragionevole credere che sia frutto di un progettista. La scienza ti spiega l'evento che avrebbe potuto portare a una determinata cosa, il raggiungimento della sua attuale condizione, ma ti dice il perchè?


La mia personale opinione è che il drago nel garage non esista affatto, e che sia più che ragionevole PRESUPPORRE la sua non-esistenza come dato di fatto. Chi crede al drago, lo può solo fare per fede, non tramite l'uso della Ragione.
Lo stesso dicasi di un dio.

E' questo il motivo, tra l'altro, per cui la Scienza ignora totalmente l'ipotesi di esistenza di un dio creatore. Gli enti metafisici non possono e non potranno MAI essere dimostrabili fisicamente. Essi non sono diversi da enti del tutto inesistenti.



Se è ragionevole pensare alla non esistenza del drago perchè è indimostrabile, dov'è l'indimostrabilità delle scritture? Perchè da lì io prendo Dio, così come nell'esempio di prima, tu da orfano, scopri l'identità dei genitori dalla lettera.


Le "scritture" non riguardano proprio in questa discussione. Ciò che è evidente è invece l'ovvia similitudine tra il drago nel garage e il concetto standard che la teologia ha di Dio.
La stessa teologia dice che a Dio vi si può credere solo con l'uso della fede.
Ma l'uso della fede, come già detto, esclude quello della Ragione.



Le scritture non c'entrano? Ma sai su che forum stai? Si discute di scritture e di Dio, se le scritture vengono da Dio è naturale che Dio lo prendi dalle scritture. Se non parliamo di scritture possiamo anche chiederci se esiste Buddha.


Seyia purtroppo non si limita a "credere".
Ha anche la pretesa di spacciare la sua opinione come fosse una verità dimostrata scientificamente, ed è questo che è decisamente INACCETTABILE. Ancor di più, poi, se con queste "verità" pretende di fare politica, o di condizionare la vita di persone che non la pensano affatto come lui.



A questo penso sia giusto che rispondi direttamente Seyia.

Per quanto riguarda la politica, te la devi prendere con l'organizzazione religiosa che fa politica, e mi chiedo cosa c'entra con il fatto se Dio esiste o meno.

E non tanto che "Dio esiste" perchè "provato scientificamente", quanto l'intelligenza dell'intera esistenza che "prova un progettista". Se pensi di essere abbastanza intelligente da sapere se, da bendato, davanti a te sta scrosciando una cascata o stanno rovesciando un bicchiere pieno d'acqua, non penso che tu abbia bisogno della dimostrazione pratica per capirlo. Ma non ti sto dando dell'idiota perchè non credi, così come non mi do del capace perchè credo, ti sto solo dicendo che non capisco l'illogicità di ciò che ha scritto Seyia.


Ancora non capisco perchè tratti la bibbia diversamente da un qualsiasi altro romanzo...
Soprattutto, non si capisce dove siano gli insegnamenti "saggi"... MAH!



La Bibbia da millenni, dall'antico testamento al nuovo, ha contenuto istruzioni e comandi per quanto riguarda l'igiene, la sicurezza, cosa si poteva mangiare, cosa no, come costruire una casa eccetera, comandi sul come essere felici con la famiglia, riguardo al rispetto, riguardo al tradimento, riguardo a cosa è lecito, riguardo al prossimo, riguardo a tutto. E questo in epoche dove alcune di queste cose sono considerate sol oggi!

Poco prima dicevi riguardo ai giusti insegnamenti di Gesù, e poi non capisci dove stiano questi insegnamenti saggi.. [SM=g27994]


Eh, mi sa proprio di sì.



Mah, se è proprio tanto oggettivo probabile.

[Modificato da Master Mystery 01/06/2007 12.57]

________________________________
Master Mystery
Un click al giorno, per dare un pasto al giorno ai poveri bimbi
Viene contato un click ogni 24 ore, o ad ogni cambio di IP.
http://www.porloschicos.com/PorLosChicos.NET