Freeforumzone mobile

Il conflitto e la famiglia

  • Posts
  • OFFLINE
    Justee
    Post: 3,539
    Post: 2,902
    Registered in: 8/27/2004
    Gender: Male
    Admin
    Vice Amministratore
    00 3/25/2007 1:38 PM
    Ascoltavo oggi la telegiornale di una statistica ISTAT sulla violenza alle donne , oltre 6.000.000 le donne italiane che subiscono varie violenze, da quella sessuale alla psicologica , e il tutto consumato nelle mura domestiche
    Il problema che mi ha lasciato perplesso è che una esperta ritiene che il nocciolo della questione sia non riuscire a gestire il conflitto , cioè le discussioni , le questione , i problemi all'interno della famiglia sono sempre più numerosi e incalzanti e la coppia si sente sempre più frustata e uno dei due prende sempre il sopravvento

    «Il Mondo non sarà mai abbastanza vasto, né l’Umanità abbastanza forte per essere degni di Colui che li ha creati e vi si è incarnato»
    (P. Teilhard de Chardin, La vision du passé, in “Inno dell’universo”, Queriniana, Brescia 1995, p. 76)>>



  • OFFLINE
    presso
    Post: 827
    Post: 826
    Registered in: 2/2/2005
    Gender: Female
    Scripta Manent...
    Senior
    00 5/25/2007 7:26 PM
    AMERICA/PERÚ - Lancio della Campagna Condividere 2007 che intende sensibilizzare la società sul problema della violenza familiare e promuovere iniziative per l'unità e la pace nelle famiglie
    Lima (Agenzia Fides) - Sabato 26 maggio avrà luogo il lancio della 18ª Campagna di Solidarietà Condividere 2007 che quest’anno ha per tema "Famiglia unita, via per la pace". Per mezzo di questa Campagna, promossa dai Vescovi del paese, si intende sensibilizzare la società sul problema della violenza familiare che provoca il deterioramento delle famiglie nel paese, promuovendo azioni per l'unità e la pace nelle famiglie. La presentazione della Campagna avrà luogo alle 10 del mattino nella Parrocchia "San Giovanni Battista" a San Juan di Miraflores. Vi parteciperanno Sua Ecc. Mons. Juan José Larrañeta Olleta, OP, Vicario Apostolico di Puerto Maldonado e Segretario Generale della Conferenza Episcopale Peruviana, che presiederà la presentazione; Mons. Carlos García Camader, Vescovo di Lurín; rappresentanti del Ministero della Donna e dello Sviluppo Sociale (MIMDES) ed Autorità municipali.
    Primo del lancio della Campagna si svolgerà una colorita marcia per le principali strade del distretto, alla quale parteciperanno bambini e bambine delle scuole e delle parrocchie, che da diversi punti di Lima si dirigeranno verso la parrocchia San Giovanni Battista con striscioni e cartelli sul tema della violenza familiare. In Perù circa il 60 per cento delle famiglie soffre problemi di violenza familiare: maltrattamenti verso la coppia, contro i bambini e perfino contro gli adulti e handicappati.

    Ciao Rino ho trovato , questo post nel fides , ci tenevo a postarlo , magari potrebbe essere una iniziativa anche nel nostro paese
  • OFFLINE
    @tiskio@
    Post: 329
    Post: 329
    Registered in: 5/24/2006
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Benvenuto
    00 2/4/2008 9:13 PM
    Addebitabilita' della separazione per eccessiva rigidita' nell'educazione dei figli
    (Corte di Cassazione - Civile Sentenza 02 settembre 2005, n.17710 - Leonardo Lastei)

    Costituisce violazione del dovere di assistenza morale e materiale sancito dall'art. 143, comma 2, c.c., oltre che del dovere di collaborazione nell'interesse della famiglia, tale da giustificare la pronuncia di addebito della separazione, la condotta del coniuge che si traduca in fatti di violenza nei confronti dell'altro coniuge ed in forme di persecuzione morale. In particolare, al fine dell'addebitabilit� della separazione, il comportamento di un coniuge, rivolto ad imporre i propri particolari principi e la propria particolare mentalit�, pu� assumere rilevanza solo se si traduca in violazione dei doveri discendenti dal matrimonio, o comunque sia inconciliabile con i doveri medesimi, atteso che, in caso contrario, e per quanto detti principi o mentalit� siano criticabili, si resta nell'ambito delle peculiarit� caratteriali, le quali valgono a spiegare le difficolt� del rapporto, ed eventualmente l'errore originariamente commesso nella reciproca scelta, ma non integrano situazioni d'imputabilit� della crisi, nel senso previsto dall'art. 151, secondo comma, c.c. Ci� premesso, occorre sottolineare che il dovere che entrambi i coniugi hanno di mantenere, istruire ed educare la prole, sancito dall'art. 147 c.c., non impone obblighi soltanto nei confronti dei figli, ancorch� costoro siano ovviamente i primi beneficiari del dovere stabilito dal legislatore a carico dei coniugi. L'art. 144 stabilisce, infatti, l'obbligo per i coniugi di concordare tra di loro l'indirizzo della vita familiare, s� che le scelte educative e gli interventi diretti a risolvere i problemi dei figli non possono che essere adottati d'intesa tra i coniugi. Un atteggiamento unilaterale, sordo alle valutazioni ad alle richieste dell'altro coniuge, a tratti violento ed eccessivamente rigido, pu� tradursi, oltre che in una violazione degli obblighi del genitore nei confronti dei figli, anche nella violazione dell'obbligo nei confronti dell'altro coniuge di concordare l'indirizzo della vita familiare e, in quanto fonte di angoscia e dolore per l'altro coniuge, nella violazione del dovere di assistenza morale e materiale sancito dall'art. 143 c.c. Ove tale condotta si protragga e persista nel tempo, aprendo una frattura tra un coniuge e i figli ed obbligando l'altro coniuge a schierarsi a difesa di costoro, essa pu� divenire fonte d'intollerabilit� della convivenza e rappresentare, in quanto contraria ai doveri che derivano dal matrimonio sia nei confronti del coniuge che dei figli in quanto tali, causa di addebito della separazione ai sensi dell'art. 151, comma 2, c.c.
    LaPrevidenza.it, 08/12/2007
  • OFFLINE
    Justee
    Post: 3,539
    Post: 2,902
    Registered in: 8/27/2004
    Gender: Male
    Admin
    Vice Amministratore
    00 1/14/2015 10:36 PM
    Mediazione nella Famiglia

    Link interessante dove si unisce il lavoro del mediatore e la Bibbia nei passaggi piu importanti legati alla Famiglia e al dolore che c'è nelle stesse al giorno d'oggi

    «Il Mondo non sarà mai abbastanza vasto, né l’Umanità abbastanza forte per essere degni di Colui che li ha creati e vi si è incarnato»
    (P. Teilhard de Chardin, La vision du passé, in “Inno dell’universo”, Queriniana, Brescia 1995, p. 76)>>