Freeforumzone mobile

All Religion and Pedophilia all Languages

  • Posts
  • OFFLINE
    Justee
    Post: 3,539
    Post: 2,902
    Registered in: 8/27/2004
    Gender: Male
    Admin
    Vice Amministratore
    00 11/26/2006 2:18 PM
    Un responsable d’Al Adl wal Ihssane accusé de Pédophilie
    Un cadre du mouvement islamiste «Al Adl wal Ihssane» à Jerada est actuellement poursuivi pour pédophilie. Le suspect est accusé d’avoir abusé sexuellement d’un enfant de cinq ans. L’Association «Touche pas à mon enfant» a décidé de se constituer partie civile.
    La ville de Jerada est, depuis quelques jours, secouée par une nouvelle affaire de pédophilie. A peine un an s’est écoulé depuis le procès intenté à un instituteur accusé d’abus sexuels sur ses élèves, qu’une nouvelle affaire rejaillit. Cette fois, le suspect est un cadre du mouvement «Al Adl wal Ihssane» officiant comme responsable d’une cellule d’encadrement islamiste, «Nakib Ousra» (encadreur de quartier). Arrêté jeudi dernier par les services de la police judiciaire de Jerada, suite à une plainte du père de la victime, Brahim Batha, l’accusé a été déféré, le lendemain, devant la cour d’appel d’Oujda. Le prévenu a été mis, par la suite, en état de liberté provisoire, après avoir payé une caution. La victime, un garçon âgé de 5 ans, a reconnu avoir subi des abus sexuels de la part de l’accusé, ajoutant que ce dernier «l’avait entraîné une seule fois» dans sa maison située à proximité du foyer parental. Ce témoignage a mis les services de la PJ de Jerada sur les traces du pédo-criminel présumé, mais «le parquet a besoin d’autres témoins pour pouvoir statuer sur cette affaire», apprend-on auprès d’une source judiciaire. «L’absence de témoins est la seule raison pour laquelle le parquet s’est abstenu de mettre le prévenu sous mandat de dépôt », ajoute notre source.
    L’Association «Touche pas à mon enfant», qui a décidé de se constituer partie civile dans cette affaire, ne l’entend pas de cette oreille. Contactée par «ALM», Najat Anouar, présidente de cette association, nous a indiqué : «Seul le témoignage de la victime, combiné à un certificat médical dûment signé, doit être pris en considération». «Et puis, après tout, les actes de pédo-criminalité se déroulent, évidemment, à l’abri des regards. Généralement, il n’y a pas de témoignages dans ce genre d’affaires», précise-t-elle. «Nous menons, depuis 1994, un dur combat pour lever justement ce tabou», poursuit-elle.
    En faisant part de la détermination de l’association à se constituer partie civile, la présidente de «Touche pas à mon enfant», très active dans la défense des mineurs contre les pédo-criminels, a souligné «la nécessité, voire l’urgence, de soumettre l’enfant à des analyses médicales et à un examen pédo-psychiatrique», regrettant, par la même occasion, «qu’il n’y ait pas de pédo-psychiatres dans la ville de Jerada». N’empêche. «Nous envisageons toutes les démarches possibles en vue de la réparation psychologique et de la réhabilitation juridique de la victime», a-t-elle ajouté.
    Né en 1969 à Jerada, l’accusé, le dénommé Mokhtari, est célibataire. En plus de son statut «d’écrivain public», il est connu pour son activisme dans les milieux islamistes de l’Oriental. Membre dirigeant dans la section Al Adl wal Ihssane-Jerada, «il aurait usé et abusé de la confiance de ses voisins pour se livrer à des actes de pédophilie sur un mineur», constate un responsable des services de la police locale.
    [Edited by Justee 10/7/2007 11:59 AM]
  • OFFLINE
    presso
    Post: 827
    Post: 826
    Registered in: 2/2/2005
    Gender: Female
    Scripta Manent...
    Senior
    00 11/27/2006 8:58 PM
    Anglicani
    La Chiesa anglicana apre agli aborigeni

    Per la prima volta due rappresentanti aborigeni faranno parte della leadership della chiesa anglicana in Australia. La decisone è stata annunciata durante il sinodo della chiesa anglicana della diocesi di Sidney. Lo stesso arcivescovo, Peter Jensen, ha appoggiato
    l’iniziativa e ha invitato i membri a dare un “grande benvenuto” ai due rappresentanti
    quando verranno eletti. I leader aborigeni hanno dichiarato che la decisione è un avvenimento storico. Ray Minniescon, direttore della “Redfern Crossroads Aboriginal
    Community” di Sidney, ha detto: “Dio stesso ci ha aperto le porte”. E a ragione. “Per 218 anni gli aborigeni australiani non sono stati ammessi nelle istituzioni cristiane. Il voto di questi giorni invece dà alla chiesa anglicana e ai popoli di questo Paese una grande
    dignità ”, ha spiegato Minniescon. E’ un grande passo avanti per la chiesa anglicana
    presente in Australia con ben 23 diocesi. Tra i problemi affrontati, anche la delicata questione della pedofilia. L’arcivescovo anglicano di Adelaide, Jeffrey Denver, ha detto che
    non tollererà più l’indifferenza dei leader religiosi in una materia così grave. Ed è pronta
    una nuova normativa: “I sacerdoti dovranno informare le autorità giudiziarie sui casi di
    pedofilia anche quelli ascoltati durante la confessione”. Finito il segreto della confessione
  • OFFLINE
    Justee
    Post: 3,539
    Post: 2,902
    Registered in: 8/27/2004
    Gender: Male
    Admin
    Vice Amministratore
    00 11/29/2006 9:13 PM
    I numeri della pedofilia
    La conferma, spaventosa, è che le violenze sui minori sono in costante aumento.
    I dati Eurispes, emersi da recenti indagini Usa, purtroppo parlano chiaro: ogni giorno navigano in Internet 25 milioni di bambini e si prevede che nel 2005 diverranno 44 milioni.

    1 bambino su 4 ha almeno una volta visitato un sito pornografico
    1 bambino su 5 ha avuto proposte sessuali.
    La preoccupazione del 75% dei genitori e' giustificata se si pensa che 2 milioni di bambini nel mondo vivono in stato di schiavitu' sessuale (il giro d'affari legato allo sfruttamento sessuale dei bambini nei paesi extra-europei si aggira intorno agli 11.000 miliardi di lire).

    La pedofilia nel mondo

    2 milioni i bambini in stato di schiavitu' sessuale
    7 su 1.000 i minori che subiscono violenza
    7.650 i siti pedofili censurati (fonte ECPAT Italia, 1999)
    5 miliardi di dollari il valore del mercato on-line della pedofilia
    dai 30 ai 100 dollari il costo di una fotografia di bambini ritratti in scene di violenze
    in Italia?

    2 bambini al giorno sono oggetto di abusi sessuali
    305 le denunce di violenza sui minori nel 1996, 470 nel 1997, 534 nel 1998, 586 nel 1999 con un aumento di piu' del 90% in 4 anni
    1.000 processi all'anno svolti sui casi di minori abusati e maltrattati (il 35% dei quali di eta' inferiore ai 3 anni)
    Il 60-70% degli abusi sessuali e fisici si svolgono all'interno delle mura domestiche.
    Studiando la casistica degli abusi sui bambini, si evidenzia che

    il 46% delle violenze avviene sui minori di 14 anni
    il 33% rappresenta l'abuso fisico
    il 21,8% la trascuratezza
    il 19,8% l'abuso psicologico
  • OFFLINE
    Justee
    Post: 3,539
    Post: 2,902
    Registered in: 8/27/2004
    Gender: Male
    Admin
    Vice Amministratore
    00 11/29/2006 9:14 PM
    The numbers of the pedofilia The confirmation, frightful, is that the violences on the minors are in constant increase. The Eurispes data, emerged from recent USA surveyings, unfortunately speak clear: every day they are annoying in Internet 25 million children and one previews that in the 2005 they will become 44 million. 1 child on 4 has at least once visited a situated pornografico 1 child on 5 has had proposed sexual. The worry of 75% of the parents e' justified if it is believed that 2 million children in the world live in sexual state of schiavitu' (the turnover legacy to the sexual exploitation of the children in the extra-European countries goes around around to the 11,000 billions of Liras). The pedofilia in the world the 2 million children in state schiavitu' sexual 7 on 1.000 the minors who endure violence the 7.650 situated censured pedofili (source ECPAT Italy, 1999) 5 billions of dollars the value of the market on-linens of the pedofilia from the 30 to the 100 dollars the cost of a photography of children ritratti in scenes of violences in Italy? 2 children to the day are object of sexual abuses the 305 denunciations of violence on the minors in 1996, 470 in 1997, 534 in 1998, 586 in 1999 with an increase of piu' of 90% in 4 years 1,000 processes per year carried out on the cases of minors misuse to you and maltratta (35% to you of which of eta' inferior to the 3 years) The 60-70% of the sexual and physical abuses is carried out inside of walls domestic servants. Studying the casuistry of the abuses on the children, it is evidenced that 46% of the violences happen on the minors of 14 years 33% represent the physical abuse 21.8% the neglect 19.8% the psychological abuse
  • OFFLINE
    Justeee
    Post: 482
    Post: 475
    Registered in: 9/3/2004
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Senior
    00 12/29/2006 7:06 PM
    Turkia
    Initial reaction in Turkey does not indicate whether its people will really face the facts behind the issue prompted by the strong intent to do so in 2007 or whether the issue will be just another story for the 2006 archives

    EMINE KART

    ANKARA - Turkish Daily News


    Towards the end of 2006, one particular question has gripped minds in Turkey as the country is faced with the bitter reality of widespread Internet usage for the purpose of viewing child pornography: If children are the living messages we send to a future we will not see, as a prominent media theorist and educator once said, what is the message being sent from this part of the world, where there exists a society known to be conservative and nationalist as well as paternalistic and religious? Prominent Turkish intellectual Murat Belge once asserted that Turkish society, for numerous reasons, is guilty before its children.

    When Neil Postman in the early 1980s, in his famous book titled “The Disappearance of Childhood,” described children as living messages sent to the future, he was not specifically talking about child pornography but was talking about the world of “Barbie baby models” in the United States.

    At that time the Internet was still in the development stages and the PC era had not begun. An international and global pornography market was not in the picture whereas today Turkey is a part of just such a market.

    Officials have so far categorized the issue simply as a problem stemming from the misuse of technology, while individuals comforted themselves by saying that all of the recent incidents involving child pornography were products of deviant minds that may be easily kept distant from their purely decent and upstanding lives. So far, the initial reaction in Turkey does not indicate whether its people will really face the facts behind the issue prompted by the strong intent to do so in 2007 or whether the issue will be just another story for the 2006 archives.

    “We can now easily say that we have moved to ‘the era of annihilating children' from ‘the disappearance of childhood',” literary critic Zeki Coskun argues. He takes the following facts into consideration: Google Trends, a service from the leading search engine providing insights into global search patterns, shows that Turkish towns rank in the top five places in terms of Web searches for “child porn,” and a 17-month-old baby girl was raped by three men in the presence of the girl's mother two months ago in Izmir.

    “It is not possible to consider the rape of a 17-month-old baby girl as isolated deviant behavior and pass over the issue lightly,” Coskun said in a brief telephone conversation with the Turkish Daily News.

    Turkish society is unfortunately known for its short memory. Actually, it is not the first time a scandal related to pedophilia has dominated headlines in the Turkish press. In December 2001, a teacher and guidance counselor in Bursa province was captured by police as part of an operation against child pornography involving 18 countries.

    Coskun, also a columnist for the daily Radikal, brought to mind the fact that at the time a senior columnist, who is a mother and defines herself as “liberal-democrat,” defended “the right to pedophilia.”

    “What lies behind the banning of child pornography is the banning of a fantasy for pedophile adults, and this is the fundamental impulse behind censorship. As long as they don't harm children, people have the right to be pedophile,” the columnist to whom Coskun referred argued at the time.

    “Thus, in addition to a developed child pornography industry, this issue has a correspondence in the intellectual world with ‘hyper-libertarian' authors,” Coskun said.

    While officials tend to discuss the issue of pedophilia or child pornography by showing technology as a root cause or excuse, a more responsible and comprehensive debate among intellectuals appears to be necessary.

    Borrowing from what sociologist Kemal Inal said in a recent article: “After all, closing the file of child pornography just with a few incidents and suspects is the biggest ever malice against children.”
  • OFFLINE
    @tiskio@
    Post: 329
    Post: 329
    Registered in: 5/24/2006
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Benvenuto
    00 3/27/2007 9:15 PM
    app.bishop-accountability.org/

    This link is very important because there is news notice from all U.S.A. about the vatican's
    What do you think'so this notice [SM=x511440]

    [Modificato da presso 18/04/2007 19.26]

  • OFFLINE
    spirito!libero
    Post: 4,852
    Post: 2,036
    Registered in: 5/8/2006
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Junior Forum
    00 3/27/2007 10:41 PM
    I think this is a great idea, in particular the session with the database of the accused priests pictures. It is a real important resource for all people in all over the world because since the vatican’s laws, instead to denounce and suspend the priests involved in the abuses, allow to transfer them in an other place, the Christians who will be in contact with them, will be able to know if they have been inquired or involved in sexual crimes.

    So parents, if e new priest come to your church, before entrust him your children, go to the link above a check if there's his picture in the database !!

    Bye
    Andrea
  • OFFLINE
    @tiskio@
    Post: 329
    Post: 329
    Registered in: 5/24/2006
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Benvenuto
    00 3/28/2007 3:47 PM
    Re:

    Scritto da: spirito!libero 27/03/2007 22.41
    I think this is a great idea, in particular the session with the database of the accused priests pictures. It is a real important resource for all people in all over the world because since the vatican’s laws, instead to denounce and suspend the priests involved in the abuses, allow to transfer them in an other place, the Christians who will be in contact with them, will be able to know if they have been inquired or involved in sexual crimes.

    So parents, if e new priest come to your church, before entrust him your children, go to the link above a check if there's his picture in the database !!

    Bye
    Andrea



    Hi Andrea , do you have reason bat there is in this database the word settled.
    the translation of this word is not negative , it's not necessarily negative
    and another word it's not negative in this database
    I find in this site / db if you reserch Jehovah’s Witnesses the news very
    interesting
  • OFFLINE
    (Upuaut)
    Post: 8,443
    Post: 512
    Registered in: 4/9/2006
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Senior
    00 4/10/2007 9:34 PM
    Ecco chi, come e quando ha deciso in Vaticano di sottrarre i preti pedofili alla magistratura

    Prima si sono rivolti con fiducia alla Chiesa, anziché ad avvocati e tribunali, inviando fin dal gennaio 2004 alla curia di Firenze esposti e memoriali sulle violenze sessuali ai danni di minori consumate per anni dal parroco Lelio Cantini, titolare della parrocchia Regina della Pace. Con la complicità di una donna, la solita “veggente” di turno le cui visioni di Gesù servivano alla selezione degli “eletti”, Cantini ha imperversato per anni e anni imponendo violenze, psicologiche e fisiche, fra cui quella sistematicamente rivolta a ragazzine di dieci, quindici, diciassette anni, di avere rapporti sessuali con lui, come forma, diceva, di “adesione totale a Dio”, facendo credere a ognuno e a ognuna di essere il prescelto e intimando il segreto assoluto pena il “castigo divino”. A furia di insistere, le vittime di Cantini hanno ottenuto qualche incontro con l’allora arcivescovo Silvano Piovanelli, con l’arcivescovo Ennio Antonelli e con l’ausiliare Claudio Maniago. Ma tutto quello che sono riusciti a ottenere è stato il trasferimento del parroco mascalzone in un’altra parrocchia della stessa diocesi nel settembre 2005, cioè ben 20 mesi dopo gli esposti, motivato ufficialmente “per motivi di salute”, vale a dire senza che venisse né denunciato alla magistratura né svergognato in altro modo né privato dell’abito talare con la sospensione “a divinis”.
    Deluse, le vittime e i loro familiari si sono allora rivolti al papa, con una lettera del 20 marzo 2006 recante in allegato i dettagliati memoriali di dieci tra le almeno venti vittime di abusi. “Non vogliamo sentirci domani chiedere conto di un colpevole silenzio”, hanno spiegato al papa il 13 ottobre 2006 con una nuova, nella quale parlano di “iniquo progetto di dominio sulle anime e sulle esistenze quotidiane” e lamentano come a “quasi due anni” dall’inizio delle denunce dalla Chiesa fiorentina non fosse ancora arrivata né “una decisa presa di distanza” dai personaggi coinvolti nella vicenda né “una scusa ufficiale” e neppure “un atto riparatore autorevole e credibile”.
    Alla loro missiva ha risposto il cardinale Camillo Ruini, ma in un modo francamente incredibile, di inaudita ipocrisia e mancanza di senso della responsabilità.

    Alla loro missiva ha risposto il cardinale Camillo Ruini, ma in un modo francamente incredibile, di inaudita ipocrisia e mancanza di senso della responsabilità. Il famoso cardinale, tanto impegnato nella lotta incessante contro la laicità dello Stato italiano, a fronte alle porcherie del suo sottoposto si rivela quanto mai imbelle, omertoso e di fatto complice: tutta la sua azione si riduce a una lettera agli stuprati per ricordare loro che il parroco criminale il 31 marzo ha lasciato anche la diocesi e per augurare che il trasferimento “infonda serenità nei fedeli coinvolti a vario titolo nei fatti”. Insomma, fuor dalle chiacchiere e dall’ipocrisia, Ruini si limita a raccomandare che tutti si accontentino della rimozione di Cantini e se ne stiano pertanto d’ora in poi zitti e buoni, paghi del fatto che il prete pedofilo e stupratore sia stato spedito a soddisfare le sue brame carnali altrove. Come a dire che i parenti delle vittime della strage di piazza Fontana o del treno Italicus si sentano rispondere dal Capo dello Stato non con il dovuto processo ai colpevoli, bensì con una letterina buffetto sulle guance che annuncia, magno cum gaudio, che i colpevoli anziché andare in galera sono stati trasferiti in altri uffici e che pertanto augura, cioè di fatto ordina, “serenità” tra i superstiti e i parenti delle vittime. Un simile comportamento oggi non ce l’hanno neppure gli Stati Uniti: è vero che non permettono a nessuno Stato estero di giudicare i propri soldati quali che siano i crimini da loro commessi, da Mai Lay al Cermis, da Abu Graib a Guantanamo e Okinawa, ma è anche vero che gli Usa anziché stendere il velo omertoso del segreto li processa pubblicamente in patria e non sempre in modo compiacente.

    Come sempre la Chiesa si comporta in tutto il mondo come uno Stato nello Stato, con la pretesa non solo di intervenire – come è particolarmente evidente in Italia - contro l’autonomia della politica, ma per giunta di sottrarre il proprio personale alla magistratura competente. Il dramma però è che Ruini ai fedeli fiorentini che hanno subìto quello che hanno subìto non poteva rispondere altrimenti, perché – per quanto possa parere incredibile – a voler imporre il silenzio, anzi il “segreto pontificio” sui reati gravi commessi dai religiosi, compresi gli stupri di minori, è stato proprio l’attuale papa, Ratzinger. Con una ben precisa circolare inviata ai vescovi di tutto il mondo il 18 maggio 2001 e che più avanti riproduciamo per intero, l’allora capo della Congregazione per la dottrina della fede, come si chiama oggi ciò che una volta era la “Santa” (!) Inquisizione e poi il Sant’Ufficio, non solo imponeva il segreto su questi orribili argomenti, ma avvertiva anche che a volere una tale sciagurata direttiva era il papa di allora in persona. Vale a dire, quel Wojtyla che più si ha la coda di paglia e più si vuole sia fatto “santo subito”, in modo da sottrarlo il più possibile alle critiche per i suoi non pochi errori.

    Da notare che per quell’ordine scritto diramato a tutti i vescovi assieme all’allora suo vice, cardinale Tarcisio Bertone (oggi ancor più potente perché scelto dal papa tedesco come nuovo Segretario di Stato, cioè ministro degli Esteri del Vaticano), Ratzinger nel 2005 è stato incriminato negli Stati Uniti per cospirazione contro la giustizia in un processo contro preti pedofili in quel di Houston, nel Texas. Per l’esattezza, presso la Corte distrettuale di Harris County figurano imputati il responsabile della diocesi di Galveston Houston, arcivescovo Joseph Fiorenza, i sacerdoti pedofili Juan Carlos Patino Arango e William Pickand, infine anche l’attuale pontefice. Questi è accusato di avere coscientemente coperto, quando era prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, i sacerdoti colpevoli di abusi sessuali su minori. Da notare che l’omertà e la complicità di fatto garantita dalla circolare Ratzinger-Bertone ha danneggiato non solo la giustizia di quel processo, ma anche dei molti altri che hanno scosso il mondo intero scoperchiando la pentola verminosa dei religiosi pedofili negli Stati Uniti (dove la Chiesa ha dovuto pagare centinaia di milioni di dollari in una marea di risarcimenti) e in altre parti del mondo. Un porporato che si è visto denunciare dalle vittime un folto gruppo di preti, anziché punire i colpevoli li ha protetti facendoli addirittura espatriare nelle Filippine, in modo da sottrarli per sempre alla giustizia.

    Sono emersi casi imbarazzanti anche in Austria e Polonia, con l’aggravante che si trattava delle massime cariche ecclesiastiche, tra le quali l’arcivescovo di Cracovia pedofilo Julius Paetz, la cui pedofilia era nota fin da quando lavorava in Vaticano nell’anticamera del papa suo connazionale, Wojtyla, e proprio negli anni in cui è “misteriosamente” scomparsa la ragazzina cittadina vaticana Emanuela Orlandi. Ma a scorrere le cronache dei giornali locali si scopre che anche in Italia le condanne di religiosi per pedofilia abbondano, solo che – pur essendo gli stupratori scoperti solo la punta dell’iceberg - vengono tenute accuratamente nascoste. E perché vengano nascoste lo si capisce finalmente bene, e in modo dimostrato, leggendo il testo della circolare emanata dall’ex Sant’Ufficio.

    A muovere l’accusa contro l’attuale pontefice, documenti vaticani alla mano, è l’agguerritissimo avvocato Daniel Shea, difensore di tre vittime della pedofilia dei religiosi di Galveston Houston. E Ratzinger sarebbe stato trascinato in tribunale, forse in manette data la gravità del reato, se non fosse nel frattempo diventato papa. Nel settembre 2005 infatti il ministero della Giustizia, su indicazione di Bush e Condolezza Rice, ha bloccato il processo contro Ratzinger accogliendo la richiesta dell’allora segretario di Stato del Vaticano, Angelo Sodano, di riconoscere anche al papa, in quanto capo dello Stato pontificio, il diritto all’immunità riconosciuto non solo dagli Stati Uniti per tutti i capi di Stato. A questo punto è doveroso e niente affatto scandalistico porsi una domanda, decisamente scomoda: quanto ha pesato nella scelta di eleggere papa proprio Ratzinger la necessità di sottrarlo alla giustizia americana e di difenderlo per avere in definitiva eseguito la volontà del pontefice precedente? C’è anche un altro particolare: di solito non si riesce a portare in tribunale anche i superiori dei preti stupratori perché in un modo o nell’altro evitano di ricevere l’atto di accusa, specie se risiedono sia pure solo ufficialmente in Vaticano. Ratzinger invece l’atto di citazione ha accettato di riceverlo: si può escludere lo abbia fatto per obbligare i suoi colleghi cardinali ad eleggerlo papa quando Wojtyla – sempre più malato - fosse venuto a mancare?

    Come che sia, Shea però non demorde. Due anni fa è venuto a Roma per protestare in piazza S. Pietro assieme ai radicali in occasione della Giornata mondiale contro la pedofilia. E oggi si dice pronto a ricorrere fino alla Suprema Corte di Giustizia degli Stati Uniti per evitare che i firmatari della circolare vaticana che protegge i sacerdoti pedofili la facciano del tutto franca. Intanto dobbiamo constatare con sbigottimento che i tre nomi più impegnati nella lotta contro la laicità dello Stato italiano e del suo parlamento, vale a dire Ratzinger, Ruini e Bertone, sono stati colti con le mani nel sacco della sottrazione alla magistratura dei preti pedofili e strupratori di minori.

    Ecco il testo integrale tradotto dal latino dell’ordine impartito per iscritto da Ratzinger e Bertone:

    «LETTERA inviata dalla Congregazione per la dottrina della fede ai vescovi di tutta la Chiesa cattolica e agli altri ordinari e prelati interessati, circa I DELITTI PIU’ GRAVI riservati alla medesima Congregazione per la dottrina della fede, 18 maggio 2001


    Per l’applicazione della legge ecclesiastica, che all’art. 52 della Costituzione apostolica sulla curia romana dice: “[La Congregazione per la dottrina della fede] giudica i delitti contro la fede e i delitti più gravi commessi sia contro la morale sia nella celebrazione dei sacramenti, che vengano a essa segnalati e, all’occorrenza, procede a dichiarare o a infliggere le sanzioni canoniche a norma del diritto, sia comune che proprio”, era necessario prima di tutto definire il modo di procedere circa i delitti contro la fede: questo è stato fatto con le norme che vanno sotto il titolo di Regolamento per l’esame delle dottrine, ratificate e confermate dal sommo pontefice Giovanni Paolo II, con gli articoli 28-29 approvati insieme in forma specifica.

    Quasi nel medesimo tempo la Congregazione per la dottrina della fede con una Commissione costituita a tale scopo si applicava a un diligente studio dei canoni sui delitti, sia del Codice di diritto canonico sia del Codice dei canoni delle Chiese orientali, per determinare “i delitti più gravi sia contro la morale sia nella celebrazione dei sacramenti”, per perfezionare anche le norme processuali speciali nel procedere “a dichiarare o a infliggere le sanzioni canoniche”, poiché l’istruzione Crimen sollicitationis finora in vigore, edita dalla Suprema sacra Congregazione del Sant’Offizio il 16 marzo 1962, doveva essere riveduta dopo la promulgazione dei nuovi codici canonici.

    Dopo un attento esame dei pareri e svolte le opportune consultazioni, il lavoro della Commissione è finalmente giunto al termine; i padri della Congregazione per la dottrina della fede l’hanno esaminato più a fondo, sottoponendo al sommo pontefice le conclusioni circa la determinazione dei delitti più gravi e circa il modo di procedere nel dichiarare o nell’infliggere le sanzioni, ferma restando in ciò la competenza esclusiva della medesima Congregazione come Tribunale apostolico. Tutte queste cose sono state dal sommo pontefice approvate, confermate e promulgate con la lettera apostolica data in forma di motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela.

    I delitti più gravi sia nella celebrazione dei sacramenti sia contro la morale, riservati alla Congregazione per la dottrina della fede, sono:


    - I delitti contro la santità dell’augustissimo sacramento e sacrificio dell’eucaristia, cioè:

    1° l’asportazione o la conservazione a scopo sacrilego, o la profanazione delle specie consacrate:

    2° l’attentata azione liturgica del sacrificio eucaristico o la simulazione della medesima;

    3° la concelebrazione vietata del sacrificio eucaristico assieme a ministri di comunità ecclesiali, che non hanno la successione apostolica ne riconoscono la dignità sacramentale dell’ordinazione sacerdotale;

    4° la consacrazione a scopo sacrilego di una materia senza l’altra nella celebrazione eucaristica, o anche di entrambe fuori della celebrazione eucaristica;


    - Delitti contro la santità del sacramento della penitenza, cioè:

    1° l’assoluzione del complice nel peccato contro il sesto comandamento del Decalogo;

    2° la sollecitazione, nell’atto o in occasione o con il pretesto della confessione, al peccato contro il sesto comandamento del Decalogo, se è finalizzata a peccare con il confessore stesso;

    3° la violazione diretta del sigillo sacramentale;


    - Il delitto contro la morale, cioè: il delitto contro il sesto comandamento del Decalogo commesso da un chierico con un minore al di sotto dei 18 anni di età.


    Al Tribunale apostolico della Congregazione per la dottrina della fede sono riservati soltanto questi delitti, che sono sopra elencati con la propria definizione.

    Ogni volta che l’ordinario o il prelato avesse notizia almeno verosimile di un delitto riservato, dopo avere svolte un’indagine preliminare, la segnali alla Congregazione per la dottrina della fede, la quale, a meno che per le particolari circostanze non avocasse a sé la causa, comanda all’ordinario o al prelato, dettando opportune norme, di procedere a ulteriori accertamenti attraverso il proprio tribunale. Contro la sentenza di primo grado, sia da parte del reo o del suo patrono sia da parte del promotore di giustizia, resta validamente e unicamente soltanto il diritto di appello al supremo Tribunale della medesima Congregazione.

    Si deve notare che l’azione criminale circa i delitti riservati alla Congregazione per la dottrina della fede si estingue per prescrizione in dieci anni. La prescrizione decorre a norma del diritto universale e comune: ma in un delitto con un minore commesso da un chierico comincia a decorrere dal giorno in cui il minore ha compiuto il 18° anno di età.

    Nei tribunali costituiti presso gli ordinari o i prelati possono ricoprire validamente per tali cause l’ufficio di giudice, di promotore di giustizia, di notaio e di patrono soltanto dei sacerdoti. Quando l’istanza nel tribunale in qualunque modo è conclusa, tutti gli atti della causa siano trasmessi d’ufficio quanto prima alla Congregazione per la dottrina della fede.

    Tutti i tribunali della Chiesa latina e delle Chiese orientali cattoliche sono tenuti a osservare i canoni sui delitti e le pene come pure sul processo penale rispettivamente dell’uno e dell’altro Codice, assieme alle norme speciali che saranno date caso per caso dalla Congregazione per la dottrina della fede e da applicare in tutto.


    Le cause di questo genere sono soggette al segreto pontificio.


    Con la presente lettera, inviata per mandato del sommo pontefice a tutti i vescovi della Chiesa cattolica, ai superiori generali degli istituti religiosi clericali di diritto pontificio e delle società di vita apostolica clericali di diritto pontificio e agli altri ordinari e prelati interessati, si auspica che non solo siano evitati del tutto i delitti più gravi, ma soprattutto che, per la santità dei chierici e dei fedeli da procurarsi anche mediante necessarie sanzioni, da parte degli ordinari e dei prelati prelci sia una sollecita cura pastorale.

    Roma, dalla sede della Congregazione per la dottrina della fede, 18 maggio 2001.


    Joseph card. Ratzinger, prefetto.

    Tarcisio Bertone, SDB, arc. em. di Vercelli, segretario»


    nicotri.blogautore.espresso.repubblica.it/2007/04/08/sorpresa-ecc... me-e-quando-ha-deciso-in-vaticano-di-sottrarre-i-preti-pedofili-alla-magistratura-non-lo-indovinereste-mai/
  • OFFLINE
    =Marcuccio=
    Post: 1,152
    Post: 199
    Registered in: 3/19/2007
    Gender: Male
    Scripta Manent...
    Benvenuto
    00 4/11/2007 12:59 AM
    Innanzitutto mi dispiace per le vittime della pedofilia. E' un male che va combattuto senza sosta. Prete o non prete è l'uomo che sbaglia. Tuttavia considerando la figura del prete... la cosa è più grave da un certo punto di vista. Per chi come me crede è cosa gravissima, per chi non crede... il prete è uomo come altri. Riguardo all'articolo...Sicuramente uno dei primi commenti è che è un bell'articolo, ben scritto, con arte direi...

    Lelio Cantini...Con la complicità di una donna, la solita “veggente”...

    Una veggente?? Ma non credo che era la perpetua? Vediamo qualcuno che viveva la vita di parrocchia, ma non ha mai sentito parlare di questa fantomatica veggente... alla domanda frase "Le persone che accusano don Cantini parlano anche di una presunta veggente che gli stava accanto. "Forse è la perpetua. La chiamavano kapò, la generalessa o la
    padrona del prete. Ma solo perché lo teneva a dieta ferrea, su
    indicazione del medico". Questo impenitente pretaccio! Che è stato spedito

    a soddisfare le sue brame carnali altrove

    a davvero? Però non si dice in questo articolo l'età di questo pretaccio al momento del trasferimento. Non è che aveva 80 anni? Noto invece l'approssimativismo sia nelle date che nell'onestà delle notizie. I personaggi in vista servono per dare all'articolo un'aria di serietà... Certo, ora a 80 anni è stato mandato altrove a soddisfare le sue brame! Poveri ragazzi

    sono riusciti a ottenere è stato il trasferimento del parroco mascalzone in un’altra parrocchia della stessa diocesi nel settembre 2005, cioè ben 20 mesi dopo gli esposti, motivato ufficialmente “per motivi di salute”

    Avrebbero voluto

    ]“una decisa presa di distanza” dai personaggi coinvolti nella vicenda [...] “una scusa ufficiale” [...] “un atto riparatore autorevole e credibile”.

    e per quale motivo? Che persona è questo Cantini? Vediamo cosa ci dice un ex chierichetto... uno che viveva seriamente la parrocchia... forse anche lui ha avuto qualche bella esperienza col pretaccio "Un uomo autoritario, dal carattere forte, magari burbero, ma che ha fatto molto per la parrocchia e per i fedeli. Un uomo da difendere senza riserve dalle accuse infondate che gli sono piovute addosso". No no no no no... questo non va bene è a favore... Ma continuiamo "Con lui - racconta - ho seguito il catechismo e ho servito messa. E' un prete all' antica, un lottatore. Grazie a lui la parrocchia è migliorata, le famiglie si sono avvicinate alla chiesa. Quando è andato via, ha scritto una lettera ai fedeli. Lo vidi, piangeva, mi disse che ormai era troppo anziano, credo fosse anche malato, e che non se la sentiva più di continuare con questo impegno" Malato?? Nooo sono scuse, in fondo doveva essere trasferito altrove per soddisfare, impunito, le sue brame! Ma il chierichetto, ex-chierichetto, continua con un'osservazione "Voci strane? Non ne ho mai sentite. Se ci fossero state, i miei genitori non mi avrebbero permesso di frequentarlo". Ma forse i gusti del pretaccio impenitente non erano omosessuali, forse gli piaceva il tradizionale...essendo "all'antica"! Vediamo una fiorentina oggi trentenne cresciuta con don Lelio: "Se mi ha fatto strane richieste? Mai e poi mai. Anzi, una volta cacciò un sacerdote venuto a dargli una mano e sul quale circolavano brutte voci. Don Lelio ha avvicinato molti giovani alla fede..."
    Un bell'articolo, non c'è che dire! Fatto con delle frasi che come si suol dire sono tutte "ad effetto", ma alla fine sembra tanta aria fritta. Il Top si raggiunge qui

    tra le quali l’arcivescovo di Cracovia pedofilo Julius Paetz, la cui pedofilia era nota fin da quando lavorava in Vaticano nell’anticamera del papa suo connazionale, Wojtyla, e proprio negli anni in cui è “misteriosamente” scomparsa la ragazzina cittadina vaticana Emanuela Orlandi.

    Ma mi chiedo... stiamo parlando della stessa cosa? Ma che si sta accostando la presenza di Julius Paetz con la scomparsa "misteriosa" di Emanuela Orlandi? Ma il redattore dell'articolo è fuori! Perciò siccome si tratta di una ragazza vaticana, scomparsa in un determinato periodo in Vaticano, che è uno stato non un palazzo... si dimentica i collegamenti con la Banda della Magliana?? Ma è così che si fa informazione? Beh effettivamente se a Studio Aperto si parla di "Botte contro un ragazzo diversamente abile, poi si smaschera tutto e ancora continuano con la stessa solfa... non mi aspetto diversamente da (Upuaut)che ha riportato questa accozzaglia di notizie abilmente scritte e redatte in un testo di unica bestialità. Per poi finire col colpo di genio

    si può escludere lo abbia fatto per obbligare i suoi colleghi cardinali ad eleggerlo papa quando Wojtyla – sempre più malato - fosse venuto a mancare?

    Ma per piacere... cosa dice Benedetto XVI riguardo alla pedofilia che riguardano prelati? Nei casi in cui dei religiosi si siano macchiati di atti di pedofilia è necessario "stabilire la verità di quanto accaduto, al fine di adottare qualsiasi misura sia necessaria per prevenire la possibilità che i fatti si ripetano, garantire che i principi di giustizia siano pienamente rispettati e, soprattutto, portare sostegno alle vittime e a tutti quanti siano colpiti da questi enormi crimini" Per il resto... siate seri...

    Ogni bene
    Marcu

    P.S: all'amico che ha postato l'articolo bufala, consiglio di cambiare la firma. Non "adesso si ragiona" ma "adesso si sragiona"

    [Modificato da =Marcuccio= 11/04/2007 1.05]